modello_CUCon un comunicato stampa, l’Agenzia delle Entrate, chiarisce che in caso di mancata compilazione della parte Inail e in caso di invio in ritardo delle certificazioni dei redditi che non confluiscono nel 730, non sarà prevista nessuna sanzione, fermo restando la scadenza al prossimo 9 marzo per la trasmissione telematica del CU. E’ altresì possibile, inviare, oltre il termine del 9 marzo, senza che ciò comporti l’applicazione di alcuna sanzione, le sole certificazioni che contengono redditi derivanti da lavoro autonomo non occasionale, pertanto non dichiarabili mediante il modello 730.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code