modello_CUIl Cud diventa CU – Certificazione Unica entro febbraio | Ordine dei Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale di Palermo

­

Il modello per certificare i redditi non si chiamerà più CUD, ma CU, (Certificazione Unica).
Tra le principali novità si segnala il fatto che il sostituto d’imposta (datore di lavoro):
· dovrà utilizzare il Modello CU per attestare sia i redditi di lavoro dipendenti e assimilati, finora riportati sul CUD, sia i redditi di lavoro autonomo e i “redditi diversi”, fino ad oggi certificati in forma libera;
· è tenuto alla consegna della Certificazione Unica ai dipendenti, equiparati e assimilati, nonché ai lavoratori autonomi entro il 28 febbraio 2015;
· è tenuto, per la prima volta, alla trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate delle predette Certificazioni entro il 7 marzo 2015.
E’ prevista una sanzione pari a 100 euro per ogni certificazione omessa, tardiva o errata, salvo che detta certificazione non venga corretta entro i 5 giorni successiva alla scadenza.
Ma vediamo piu’ in dettaglio:
Il nuovo CUD 2015 si chiama CU, Certificazione Unica dei redditi e, a partire dal periodo d’imposta 2014, il datore di lavoro, sostituto d’imposta, lo utilizzerà per certificare:
· i redditi da lavoro dipendente, equiparati e assimilati (borse di studio, collaborazioni coordinate e continuative, compensi corrisposti ai componenti degli organi di amministrazione delle società);
· nonché, per la prima volta, i redditi di lavoro autonomo,dei professionisti, i redditi diversi, le provvigioni, non più certificati in “forma libera”.
Il Decreto Legislativo “Semplificazioni” si è posto l’obiettivo, già dal periodo d’imposta 2014, di inviare al domicilio dei contribuenti il modello 730 precompilato ed è stato appunto previsto questo nuovo modello CU che certificherà anche i redditi dei lavoratori autonomi e dei professionisti. Ciò significa che se un contribuente ha percepito, nel corso del 2014, più redditi, ad esempio, di lavoro dipendente e per prestazioni occasionali o collaborazioni, riceverà al proprio domicilio, via internet, un modello 730 che riporterà tutti i redditi percepiti, le ritenute fiscali subite e le detrazioni applicate, modello 730 che il contribuente potrà correggere o integrare se incompleto.
Il sostituto d’imposta, pertanto, dovrà provvedere:
· alla consegna della Certificazione Unica ai dipendenti, equiparati e assimilati, nonché ai lavoratori autonomi entro il 28 febbraio 2015;
· nonché, per la prima volta, alla trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate delle predette certificazioni entro il 7 marzo 2015 (scadenza prorogata al 9 marzo perché il 7 cade di sabato).
Per ogni certificazione omessa, tardiva o errata è prevista una sanzione di 100 euro. La sanzione non si applica se la trasmissione è effettuata o rettificata entro i 5 giorni successivi alla scadenza.
Poichè devono essere certificati solo i redditi corrisposti,rammentiamo che se non sono state retribuite tutte le mensilità realtive all’anno 2014 è necessario che ciò venga comunicato immediatamente allo studio al fine di provvedere allo storno di quanto non pagato perchè, trasmesso il modello CU all’Agenzia delle Entrate e trascorsi i termini di cui sopra, non potrà più essere rettificato.
(Fonte: Fisco e Tasse)

Documentazione:

– Agenzia delle Entrate COMUNICATO STAMPA del 26 09 14

– CU2015 Modello Bozza 21-11-2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code